• Photo Title 1
  • Photo Title 2
  • Photo Title 3
  • Photo Title 4
  • Photo Title 5

Rivali sui mercati, insieme in un calendario

Gli operatori delle aziende del Distretto del mobile coinvolti in un’operazione benefica dalla Smeg

 


SMEG_Cal_2013-1Un calendario per “fare sistema” in tempi di crisi? Non risolverà i problemi, ma può aiutare a sentirsi meno soli. Almeno questo è l’intento con cui Smeg, società emiliana leader nel campo degli elettrodomestici di design, ha ideato e fatto realizzare da una società pordenonese il calendario 2013 delle aziende del Distretto del mobile Livenza. Così, mettendo da parte divisioni e inevitabili rivalità dettate dalle leggi di mercato, una cinquantina di società del ramo cucine per una volta si sono ritrovate unite in dodici (13 con la copertina) pagine di foto, raffiguranti i volti degli operatori, a tutti i livelli, delle realtà coinvolte nel progetto.

Si tratta di un’inziativa già sperimentata con successo l’anno scorso e per questo ripetuta nel 2013. Con alcune significative novità. La più rilevante: stavolta i volti non fanno soltanto da contorno, ma sono gli assoluti protagonisti. Al punto che ogni giorno dell’anno è scandito, oltre che dalla festività eventualmente collegata, anche dal nome (e dalla ditta di appartenenza) dei singoli collaboratori, in corrispondenza con il loro compleanno. La forma? In ossequio al prodotto-icona dell’azienda promotrice, non poteva che evocare un frigorifero.

«Il messaggio sotteso all’iniziativa – ha dichiarato Alessandro Battisti, amministratore di Pubblimmagine, la società pordenonese che ha curato la realizzazione del calendario - è chiaro: in questo periodo particolare, caratterizzato da una congiuntura economica difficile, meglio unire le forze e non esasperare la sana concorrenza, facendo sistema, che è stata pure la parola d’ordine ai recenti stati generali del settore legno svoltisi a Pordenone». Insieme a Pubblimmagine ha collaborato alla realizzazione, per la precisione alla stampa, del calendario, a titolo totalmente gratuito, l’azienda Areagrafica di Meduna di Livenza (Treviso).

Le circa 300 copie del calendario sono state poste a disposizione degli interessati in tutte le sedi delle società che hanno aderito al progetto e dagli stessi “attori” del calendario cedute (contributo volontario non inferiore a un euro) per un nobile fine: l’intero ricavato della vendita, infatti, sarà destinato in beneficenza. Come destinataria dei fondi è stata scelta la sezione pordenonese dell’Unitalsi (Unione nazionale italiana trasporto ammalati Lourdes santuari internazionali) diocesana. Un’associazione i cui volontari sono stati di recente premiati con la Stella di Natale in duomo. «La somma che riceveremo - ha assicurato il presidente di Unitalsi Pordenone, Bruno Cadamuro - sarà utilizzata esclusivamente per migliorare i servizi nella nostra provincia».