• Photo Title 1
  • Photo Title 2
  • Photo Title 3
  • Photo Title 4
  • Photo Title 5

ANCHE A PORDENONE CRESCE LA “MODA” DEL MOMENTO

le aziende si promuovono sui tablet phone

 

In declino i vecchi cataloghi cartacei e le società di pubblicità si adeguano, puntando sulla tecnologia: “Tanti vantaggi per i clienti, e pure maggiore tutela per l’ambiente”

75136v5Vecchi cataloghi cartacei addio. O quanto meno in forte declino. Anche a Pordenone cresce infatti la richiesta di innovazione da parte delle aziende che decidono di promuovere i loro prodotti o più in generale di dare una particolare visibilità alla loro offerta commerciale. Lo conferma il fatto che alcune società del settore pubblicitario stanno adeguando il loro core business, puntando sulle nuove tecnologie disponibili sul mercato. E’ questo il caso della pordenonese Pubblimaggine, che in collaborazione con la triestina Divulgando, realtà che lavorano in ambiti professionali tra loro complementari (la prima specializzata nella realizzazione di cataloghi 3D, la seconda in information technology), ha deciso di lanciare, i cataloghi multimediali per Tablet.

L’attuale tecnologia consente infatti di produrre, a partire dai vecchi testi cartacei, nuovi cataloghi interattivi ricchi di video dimostrativi, gallerie di immagini, informazioni ipertestuali integrate da foto virtuali, e video in animazione 3D, da distribuire attraverso i più recenti tablet presenti in commercio e completamente personalizzabili. “E’ uno strumento innovativo dal punto di vista tecnologico – dichiara Alessandro Battisti, amministratore di Pubblimmagine srl - ma anche vincente sul piano marketing, in quanto consente ai clienti di consultare il catalogo in modo originale e multimediale, e ai rappresentanti delle aziende, i loro distributori e agenti, di contenere in un unico dispositivo tutte le informazioni tecniche che non potevano essere contenute nei vecchi cataloghi. Tutto questo, inoltre, va di pari passo alla nuova sensibilità rivolta alla conservazione dell’ambiente. Attraverso la forte riduzione del consumo di carta”.